Résumé de la conférence de Stefano Vassallo – JE “Actualités de la recherche sur la Sicile et la Grande Grèce antiques” 22 mars 2016

SCAVI NELLE NECROPOLI DI HIMERA

par Stefano Vassallo, Soprintendenza di Palermo

Negli ultimi anni la Soprintendenza di Palermo ha realizzato nelle necropoli di Himera, numerose campagne di scavo che hanno consentito di mettere in luce oltre 13000 sepolture, databili lungo tutto il periodo in cui fu in vita la colonia, tra la seconda metà del VII e la fine del V sec. a.C.
I risultati sono stati di grandissimo interesse, sia per quanto riguarda la conoscenza dei riti funerari, sia in relazione a tanti aspetti della vita sociale, economica e culturale di Himera. Un dato molto significativo è quello connesso alle sepolture infantili, il cui numero supera il 50 % di tutte le sepolture; le prime analisi antropologiche hanno chiarito che la massima mortalità dei bambini si concentrava tra la nascita e i primissimi mesi di vita. Predomina il tipo ad enchytrismos, ma sono attestate tante altre modalità di sepoltura (a fossa, alla cappuccina, dentro vasche fittili o sarcofagi) che non si discostano molto dai riti e dalle tipologie riservate agli adulti.

Conference-SVASSALLO-22-03-2016-fig-1

Fig. 1 – Tomba di bambino ad enchytrismos, entro anfora punica.

Utili elementi sono emersi anche per quanto riguarda il paesaggio esterno delle necropoli; sono stati infatti individuati almeno cinque tipi di segnacoli che indicavano in superficie la presenza delle tombe; dai più semplici, consistenti in pietre o tegole, ai più complessi monumentini architettonici a gradini.
Dal punto di vista storico la scoperta più straordinaria è quella delle sepolture collettive e singole dei soldati che parteciparono alle battaglie di Himera del 480 e del 409 a.C., le due guerre combattute in Sicilia tra Greci e Cartaginesi che rappresentano due episodi fondamentali per la storia della Grecia Occidentale nel V sec. a.C. Si tratta di 9 fosse comuni (sette relative ai morti del 480, due a quelli del 409) dove i corpi dei caduti in battaglia furono sistemati ordinatamente, uno a fianco dell’altro, e che contenevano da un minimo di due ad un massimo di oltre 50 deposizioni.

Fig. 2 - Fossa comune n. 2 di soldati caduti nella battaglia del 480 a.C.

Fig. 2 – Fossa comune n. 2 di soldati caduti nella battaglia del 480 a.C.

Allo scontro militare del 480 sembrano da ricondurre una trentina di tombe di cavalli, probabilmente quelli uccisi in battaglia e sepolti nell’area della necropoli, vicino alle fosse comuni. Infine, la scoperta di due schinieri di bronzo, di tipo iberico, confermano quanto scrive Erodoto in merito alla presenza, nell’esercito cartaginese, comandato da Amilcare, di mercenari provenienti da diverse parti del Mediterraneo Occidentale.

Conference-SVASSALLO-22-03-2016-fig-3

Fig. 3 – Schinieri di bronzo di tipo iberico.

 

Voir aussi la conférence en ligne “Guerre et mort à Himère. Les tombes des soldats grecs tués lors des batailles de 480 et 409 avant JC.” de Stefano Vassalo. Colloque “Archéologie de la violence”, INRAP/Louvre-Lens, 2-4 octobre 2014, sur le site Internet de l’INRAP.